8 consigli per studiare bene a Giurisprudenza

In questo articolo vogliamo dare 8 buoni consigli per studiare bene a Giurisprudenza e poter conquistare così dei buoni voti negli esami. Eccoli di seguito continuando a leggere questo post.

1- evita di accumulare tutto il tuo studio a ridosso dell’esame: arriverai molto più preparato studiando poco al giorno, compatibilmente con i tuoi impegni e ritagli di tempo libero 

2- impara quanti più articoli puoi: è vero che non è essenziale ma è altrettanto vero che sapendoli si desterà un’ottima impressione a chi ci esamina

3- ripeti a voce alta: fare schemi o riassunti scritti non è l’ideale in una facoltà con esami prevalentemente orali qual è certamente Giurisprudenza 

4- impara le definizioni: se un discorso comincia con la definizione giusta dell’istituto di cui dovete parlare avrete fatto un bel passo avanti verso il successo

5- non farti terrorizzare dalle leggende: molti si divertono a diffondere voci terroristiche sulla rigidità di professori e commissioni. Non badate mai a queste cose: vi faranno aumentare l’ansia e il più delle volte immotivatamente!

6- cerca di fare collegamenti nella materia: molto spesso fare collegamenti tra diversi paragrafi o capitoli, se fatti nel modo giusto, può dare a chi ci esamina l’idea che la materia si è compresa appieno

7- diffida dagli appunti: saranno anche un modo più semplice e sbrigativo di studiare ma… non ho mai visto gente prendere grandi voti con questi metodi. Il libro di testo, per quanto noioso, è una via sicura verso il successo

8- raccogli le domande frequenti: è fondamentale. Un tempo poteva essere difficile fare questo ma nel tempo dei social non è più così. In particolare informati sulle domande che non riguardano un singolo paragrafo e che sono dunque le più insidiose: sapere a cosa vai incontro è il miglior modo per prepararti adeguatamente

Condividi questo articolo con i tuoi amici