L’amore crea dipendenza: ecco perchè stiamo male quando una storia finisce

Che l’amore ci rendesse felici non è di certo una novità: questo sarebbe dovuto, dal punto di vista chimico e biologico, al fatto che quando siamo innamorati aumenta la produzione della dopamina e dell’ossitocina, che sono i neurotrasmettitori della felicità. Ben diverse sono le sensazioni che si provano quando una storia d’amore finisce.

L’antropologa statunitense Helen Fisher ha detto in una conferenza: “L’amore romantico è una delle sostanze che crea maggiore dipendenza sulla Terra”. Sembra infatti che l’amore crei nell’uomo (e ovviamente nella donna) uno stato di dipendenza pari o forse superiore a quello che si crea nel caso di utilizzo di determinate sostanze stupefacenti.

Ma non è tutto. Vengono dati infatti alcuni consigli per affrontare al meglio la fine della storia d’amore e riprendersi il prima possibile. Ecco a tal proposito le parole dello psichiatra e psicoterapeuta Raffaele Morelli, come riportate dal Corriere della Sera: “Come per le droghe, bisogna smettere di colpo, immediatamente, rompendo qualunque tipo di collegamento con l’altro – ha affermato – senza più frequentare gli stessi posti o gli stessi amici. È la nostra grande occasione per chiudere e ricominciare. Il dolore, se lo accogliamo senza ragionamenti, come arriva se ne va”.

Condividi questo articolo con i tuoi amici