Catania compie i primi passi verso un modello di mobilità sostenibile

Un nuovo progetto dell’Università di Catania, realizzato con fondi comunitari ha portato ad installare una seie di seand (circa trenta) sulle strade di accesso e di uscita della città etnea. Si tratta di strumenti tecnologici finalizzati non solo a fornire dati e statistiche sul traffico delle auto, ma anche a rilevare e monitorare il traffico in tempo reale. In un paio di mesi l’amministrazione comunale, potrà pianificare scelte in tema di viabilità prevenendo anche fenomeni quali l’inquinamento atmosferico. Grazie a questo sistema in grado di rilevare il comportamento degli automobilisti essa potrà rendersi conto di quali zone siano maggiormente colpite dallo smog e agire dove sia necessario snellendo il traffico o chiudendo le aree piu’ caotiche. Che dire? Anche Catania sembra voglia fare proprio il modello di mobilita’ sostenibile.

Condividi questo articolo con i tuoi amici